Quali sono i macinacaffè vintage?

L'arrivo del caffè fece furore in tutto il mondo, soprattutto in Europa. Le persone erano affascinate dal suo odore e dal suo sapore coinvolgente, che all'epoca era molto speciale. La sfida consisteva nel conservare il più possibile l'aroma e il profumo del caffè. Questo ha comportato la creazione del cosiddetto macinacaffè. Quest'ultimo permette di preparare il caffè macinando i suoi chicchi. I modelli di macinacaffè si sono evoluti con lo sviluppo delle tecnologie nel mondo, ma quelli vintage hanno mantenuto il loro tocco di classe ed eleganza. Per maggiori informazioni, continuate a leggere!

Che cos'è un macinacaffè?

Il macinacaffè consente per macinare i chicchi di caffèper poterlo poi assaggiare. Oggi è un accessorio per baristi Esistono molti modelli e marche di macinacaffè sul mercato. Ce ne sono alcuni che sono tradizionali, cioè che sono macinacaffè a tutti gli effetti, e ce ne sono altri che sono integrati in altri elettrodomestici. Questa diversità rende la scelta del macinacaffè piuttosto difficile. Esistono diversi criteri di qualità che vi permetteranno di fare la scelta migliore. Tra questi criteri, possiamo citare: in primo luogo, il meccanismo di macinazione. Infatti, ogni modello di macinacaffè ha un meccanismo di funzionamento diverso. Alcuni macinatori optano per semi abbastanza grossolani, e altri trasforma completamente i grani in polvere. Quindi, potete fare la vostra scelta in base al risultato che desiderate. Potete anche scegliere il vostro mulino in base ai materiali. Si tratta di una scelta cruciale, poiché agiscono principalmente sulla conservazione dell'aroma del seme. Ad esempio, esistono mulini con :

  • lame in acciaio ;
  • lame in ceramica;
  • lame in Titani.

Per evitare il surriscaldamento, la ceramica è considerata il materiale migliore per preservare la qualità del caffè, soprattutto perché è più resistente dell'acciaio.

Qual è la storia del macinacaffè?

L'aspetto del caffè era nel 16ᵉ secolo, e fu presto democratizzato in quasi tutti i Paesi del mondo. La ricetta per fare un buon caffè era diversa da una regione all'altra, c'era chi lo sapeva fare, ma c'erano altri che avevano difficoltà a conservare correttamente gli aromi del chicco. Ecco perché è stato creato il macinacaffè. Consente di macinare correttamente i chicchi di caffè dopo la tostatura. I veri macinacaffè, cioè quelli più antichi, apparso in Europa e in Turchia. Era piuttosto semplice e disponeva di meccanismi speciali che contenevano Un asse verticale, con una manovella situata nella parte superiore del dispositivo.

Oggi questi modelli di mulino sono considerati modelli di lusso perché è un accessorio vintage molto bello da collezionareQuesto è particolarmente vero perché questo tipo di modello è stato prodotto in dettaglio e quasi ogni modello è unico. In effetti, la prima produzione di massa di mulini avvenne un po' più tardi. Questi mulini sono stati realizzati in legno e vengono prodotti su ordinazione. Con il passare del tempo, il consumo di caffè è aumentato enormemente, il che ha comportato per i produttori di mulini la necessità di realizzare sempre più modelli, soprattutto nel XIX secolo, che è stato il secolo dell'industrializzazione, in cui sono stati introdotti macinacaffè elettrici.

Macinacaffè Peugeot d'epoca

Peugeot è nota per la produzione di automobili, ma nel 19ᵉ secolo ha iniziato con i macinacaffè. Fu intorno al 1840 che la famiglia Peugeot entrò nel settore dei macinacaffè. Il loro primo mulino è stato forma cubica in legno e il suo meccanismo interno era in acciaio.

Questi modelli sono sempre presenti, soprattutto alle vendite di garageOra sono considerati articoli di lusso e tutti sanno che sono estremamente costosi. A partire dal 1846 la produzione divenne molto varia, con molti modelli in cui vennero introdotti altri materiali. Come le piastre di ottone, fissate con una vite. A partire dal 1910, tuttavia, si trovano solo piastre fisse in ottone nichelato. I primi mulini colorati avevano un design molto bello e chic, decorato a mano con disegni e policromie. Oggi sono considerati oggetti decorativi, soprattutto se si ha un'inclinazione per lo stile vintage.

Lascia un commento